Hotel Kabis: Incantevole oasi nelle Dolomiti

La vostra vacanza dovrebbe essere nient'altro che una meravigliosa avventura che amplia il vostro apprezzamento per la bellezza della vita. Il Kabis non solo offre camere per gli ospiti, un'area benessere e un ristorante , ma anche una propria...

La vostra vacanza dovrebbe essere nient'altro che una meravigliosa avventura che amplia il vostro apprezzamento per la bellezza della vita. Il Kabis non solo offre camere per gli ospiti, un'area benessere e un ristorante, ma anche una propria fattoria. Sigi, il fratello del padrone di casa Konrad, è il contadino. Il vostro soggiorno al Kabis sarà arricchito dai suoi prodotti: per colazione, potrete gustare uova fresche, latte e latticini, mentre altri pasti includono ingredienti provenienti dal giardino della fattoria. Forse vi prenderete il tempo di fare visita. Questo vi darà non solo un'idea della vita rurale, ma vi permetterà anche di dare una mano.

Di più

Un viaggio attraverso la storia del Kabis

Il Kabis ha una ricca storia che risale agli inizii dell'età moderna. Ha ospitato molte persone, tra cui pionieri delle Alpi ben noti e famosi . Il nome Kabis può essere rintracciato fino al XVI secolo . Nel 1595, l'osteria era gestita da un uomo di...

Il Kabis ha una ricca storia che risale agli inizii dell'età moderna. Ha ospitato molte persone, tra cui pionieri delle Alpi ben noti e famosi.

Il nome Kabis può essere rintracciato fino al XVI secolo. Nel 1595, l'osteria era gestita da un uomo di nome Matheis Kabes, che le diede il suo nome. "Kabes" è la forma dialettale del nome tedesco Jakobus.

Tra i pionieri vi era un significativo numero di donne: Donne sicure di sé come Rosina Aichholzer e Anna Speckbacher hanno gestito con successo il Kabis durante periodi difficili. Anna fece addirittura costruire una centrale elettrica, che beneficiava l'intero villaggio. Nel 1906, l'hotel ricevette una stazione telefonica e l'accettazione di telegrammi, diventando un'istituzione vitale. A quel tempo, ci volevano più di tre ore per raggiungere Funes dalla Val d'Isarco in auto, con una velocità che difficilmente superava i 50 km/h.

Dopo la Prima Guerra Mondiale, Maria Tutzer prese in mano l'osteria come figlia di Anna Speckbacher e continuò la tradizione dei suoi predecessori. Nel 1934, l'hotel fu distrutto da un incendio ma fu rapidamente ricostruito. Anche se l'hotel fu colpito dalla Seconda Guerra Mondiale, riprese il suo corso di successo dopo la guerra. Nel 1964, Anna Messner-Degani prese il comando e ristrutturò amorevolmente la struttura per preservarne il fascino storico.

Il 1° aprile 2019 l'hotel è passato nelle mani di Konrad e Siegfried, i due nipoti di Anna. Essi continuano la tradizione e l'ospitalità dell'Hotel Kabis e gestiscono anche la fattoria annessa, che fornisce deliziosi prodotti per la colazione e il ristorante à la carte dell'hotel. Li incontrerete sicuramente quando visiterete il Kabis.

Konrad sarà lieto di darvi consigli su escursioni. Conosce bene la sua terra natale ed è stato anche un arrampicatore sportivo, proprio come suo padre e suo fratello defunto Paul e i suoi figli. Perciò conosce i posti per l'arrampicata a Funes quasi tanto bene quanto il Kabis. Forse anche voi scoprirete questa passione.

Di più